Un robot per liberare le grondaie

Ebbene sì, dopo aspirapolvere, lavapavimenti e lucidatori, la tecnologia ci ha regalato anche questo: un robot per liberare le grondaie.

Tra le attività di manutenzione della casa da ripetere almeno una volta all’anno c’è la pulizia delle grondaie, nelle quali come ben sappiamo si depositano sporco e detriti. Se non si interviene periodicamente infatti, il rischio è che si intasino con conseguenze ben più gravi per la struttura dell’edificio.

Non si può dire che la pulizia delle grondaie sia un’operazione particolarmente complicata né faticosa, ma perché restare sospesi su una scala se può pensarci qualcun altro al posto nostro? Basta posizionare il nostro robot pulitore nella grondaia e azionarlo attraverso il telecomando (che funge anche da impugnatura) di cui è dotato facendo attenzione ad indicargli la direzione corretta del movimento in modo tale da che le sue pale rotanti possano buttare i detriti a terra e non sul tetto.

Il robot, che dispone di quattro livelli di velocità per eliminare foglie, sporcizia e residui vari, una volta azionato con il tasto “clean” porterà a termine il suo lavoro alle perfezione in pochi minuti senza il bisogno di altri interventi (per aumentarne l’efficacia è consigliabile tuttavia utilizzarlo quando la grondaia è asciutta e i detriti più leggeri).