Rimozione amianto fai da te

Non sempre è indispensabile richiedere l’aiuto di una ditta specializzata per la rimozione amianto, in presenza di piccole quantità e soprattutto se le lastre sono in buone condizioni, si può procedere con la bonifica fai da te. Eliminare questo materiale nei bidoni della raccolta rifiuti è un’azione che può essere punita con multe e ammende, quindi, al termine dei lavori di rimozione, è necessario consegnarlo ad aziende che si occupano dello smaltimento.

Ma come si procede con la rimozione dell’amianto fai da te? Il primo passaggio è indossare una tuta usa e getta, un copricapo, una maschera, scarpe antinfortunistiche con protezione di plastica e guanti. Per la preparazione del liquido incapsulante occorre riempire una pompa manuale con acqua, colla vinilica e colorante. Spruzzare l’amianto con la soluzione, rimuovere i pannelli facendo molta attenzione a non romperli e depositarli su una base di legno che va rivestita con un telo di plastica avvolta con nastro adesivo. I teli vanno irrorati con la soluzione incapsulante e inseriti all’interno di sacchi contrassegnati con un’etichetta che indica la presenza di amianto. Gli indumenti protettivi vanno prima inumiditi con uno spruzzino e successivamente inseriti all’interno di sacchi di plastica.

L’amianto può essere così consegnato alle ditte in possesso delle autorizzazioni per lo smaltimento.