Come smaltare la vasca da bagno

La presenza di una vasca è di sicuro un valore aggiunto che conferisce carattere ed eleganza al vostro bagno, senza dimenticare l’aspetto del comfort. Si tratta infatti di un elemento d’arredo molto importante che permette di ritagliarsi dei momenti di sano relax. A volte però mostra i segni del tempo. Come smaltare la vasca da bagno?

La vasca in ceramica con il passare degli anni può subire dei danni, lo smalto finisce per rovinarsi per vari motivi (la semplice usura, la caduta accidentale di oggetti, una pulizia con prodotti non adeguati) ingiallisce o semplicemente perde di lucentezza diventando opaco. Tuttavia porre rimedio è possibile, senza dover necessariamente arrivare a smantellare la vasca sostenendo dei costi troppo alti, basta scegliere i prodotti giusti.

L’intervento di smaltatura fai da te si può realizzare in un paio di ore circa. La prima cosa da fare è effettuare una pulizia attenta ed accurata della vasca, utilizzando una spugnetta metallica e una soluzione a base di acido cloridrico utile a rimuovere l’accumulo di calcare. Dopo aver sciacquato e asciugato bene, si procede con la carteggiatura e ulteriore risciacquo, infine con un panno cattura polvere si eliminano i residui.

A quel punto si passa alla verniciatura vera e propria, stenderemo una vernice autolivellante bicomponente con il rullo su quasi tutta la vasca, fondo compreso, per i bordi, invece, e un lavoro di precisione attorno a rubinetti e buco di scarico sarà meglio usare un pennello. Lasciamo asciugare per 24 ore.