La pulizia delle grondaie

La pulizia delle grondaie deve essere svolta almeno una volta l’anno, così da scongiurare problemi di umidità, deterioramento delle pareti e infiltrazioni. La manutenzione, a seconda dei casi, può essere svolta mediante il semplice fai da te o grazie all’aiuto di una ditta specializzata. Se parliamo della nostra abitazione privata, il cui numero di piani non supera i due (compreso il garage), allora possiamo ricorrere noi stessi alla pulizia delle grondaie. È sconsigliato l’uso dei metodi fai da te nei casi di immobili condominiali o in presenza di case con oltre 3 piani: meglio se ci si affida ad aziende di professionisti che sono in possesso di tutti gli strumenti per lavorare in sicurezza.

Se invece vogliamo procedere con la pulizia fai da te della grondaia, così da disostruire finalmente i canali in cui passa l’acqua, armiamoci di pazienza e specifica attrezzatura. È indispensabile avere una scala lunga abbastanza da arrivare ad osservare alla perfezione all’interno dei canali, che abbia dei ganci di tenuta in grado di ancorare saldamente alla parete e che riesca a sostenere il nostro peso senza problemi. Per eliminare le foglie servono anche un paio di guanti da lavoro, un manico di scopa e una paletta. Procediamo con il rimuovere le ostruzioni facendo bene attenzione a non spingere giù dai tubi pluviali il materiale, il lavoro si complicherebbe ulteriormente se delle foglie dovessero rimanere incastrate.

Attenzione a non buttate i detriti sul tetto, la prima pioggia farebbe scendere all’interno dei canali tutto ciò che credevamo di aver eliminato.