Prolungare la batteria dello smartphone

Qualcuno riesce davvero a ricordare com’era usare il telefono cellulare esclusivamente per chiamare o, al massimo, inviare degli sms? Sembra davvero una vita fa.  Oggi invece ci ritroviamo totalmente immersi nell’era dei social network, dei selfie, dell’iperconnessione e dei telefoni intelligenti. E finiamo spesso per lamentarci, perché, che si tratti di Android, iPhone o Windows Phone, la batteria, nella migliore delle ipotesi, dura un giorno appena, a volte anche meno. Ci sono tuttavia delle accortezze che possiamo seguire per provare a prolungare la batteria dello smartphone e arrivare a fine giornata con un minimo di carica residua. Vediamole insieme.

I social come Facebook (ma anche i servizi di messaggistica istantanea come Whatsapp), sono i veri responsabili della limitata autonomia della batteria del vostro smartphone. Potreste decidere di rimuovere l’applicazione, usando solo la versione mobile, o continuare ad utilizzare l’app, disattivando però l’opzione Localizzazione (Impostazioni > Privacy > Localizzazione – togliere la spunta) e quella di Aggiornamento app in background (Impostazioni > Generali > Aggiornamento app. in background – togliere la spunta anche da qui). Allo stesso modo togliete la spunta anche da tutte quelle applicazioni che usate poco o per nulla.

Riducete il tempo per attivare lo standby (Impostazioni > Display > Timeout Schermo – scegliete il valore minimo di 15 secondi). In caso vi troviate in una zona in cui il segnale è debole o nullo, si consiglia di attivare la modalità “Uso in aereo”, per evitare che il telefono consumi tutta la carica della batteria nel tentativo di ricercare la migliore connessione possibile. Moderate l’uso di Bluetooth e Wi-fi, disattivando entrambi quando non servono. Impostate la luminosità dello schermo al minimo e disabilitate quella automatica. Assicuratevi di avere scaricato gli aggiornamenti del software. Evitate di lasciare applicazioni aperte in background, così come fate quando siete al pc e chiudete le finestre per liberare lo schermo ma soprattutto la memoria Ram. Se possibile, evitate inoltre le ricariche notturne. Tenere infatti lo smartphone collegato alla presa ben oltre il tempo necessario a ricaricarsi può alla lunga danneggiare la batteria.