Cosa fare quando il tablet si bagna

Il nemico numero uno dei tablet è l’acqua. Basta poco per una disattenzione per rovinare irrimediabilmente il nostro dispositivo, anche se è certificato IP67 (scocca protetta contro l’immersione temporanea) . Cosa fare allora quando il tablet si bagna? La prima cosa da compiere è spegnere immediatamente il dispositivo, solo così possiamo limitare i danni, nel caso in cui si sia spento dovete resistere alla tentazione di riaccenderlo. Il secondo step è smontare (nei modelli che lo consentono) i compenti come sim, scheda SD e batterie.

Il passaggio successivo si effettua immergendo il tablet in un contenitore pieno di riso (in alternativa si possono utilizzare i sacchetti di silice). Procedete in questo modo: versate un primo strato di riso, poggiatelo e ricopritelo con altro riso e accertatevi che nessun parte fuoriesca. Per fare asciugare gli altri componenti come batteria e scheda Sd si utilizza lo stesso metodo, basta solo utilizzare un contenitore a parte. Prima di tirare fuori il device dovrete attendere almeno 48-72 ore e solo quando sarà trascorso questo tempo potrete riaccenderlo. Se lo schermo si illumina vuol dire che il riso ha assorbito tutta l’umidità contenuta nei componenti.

È possibile proteggere il tablet dai liquidi acquistando delle cover impermeabili.