Come imballare i bicchieri

Affrontare un trasloco da soli può risultare davvero molto stressante e faticoso, eppure con la giusta organizzazione e pianificazione potrebbe diventare meno pesante di quanto previsto. Insomma, occorre sicuramente del metodo, ciò che conta infatti è avere le idee chiare su cosa fare prima ancora di procedere con tutte le singole operazioni di un trasloco.

Ovviamente serviranno scatole di cartone di varie dimensioni (un suggerimento è quello di chiedere al proprio negoziante di fiducia di conservare quelle utilizzate per lo scarico delle merci) e qualche rotolo di scotch da imballaggio, con cui chiuderle dopo averle riempite con gli oggetti da trasferire. Basterà infine scrivere il contenuto sopra la scatola o di lato con un pennarello di quelli a punta grossa.

La fase dell’imballaggio è senza dubbio quella più delicata, in quanto si ha la necessità di proteggere gli oggetti più fragili, che potrebbero essere danneggiati durante il trasporto. Ad esempio, come imballare i bicchieri? Si tratta di alcuni fra gli oggetti in assoluto più a rischio, capita purtroppo spesso di ritrovarli in frantumi a trasloco ultimato. Per evitare che questo accada, devono essere riempiti ed avvolti ad uno ad uno con della carta (di giornale, igienica, da cucina) o, in alternativa, della stoffa, entrambe sono comunque molto utili e adatte a prevenire danni causati da urti o cadute accidentali. Meglio abbondare, più carta si usa e più si può stare tranquilli.

I bicchieri vanno poi riposti uno sull’altro all’interno dello scatolone, facendo attenzione anche qui a non lasciare spazi vuoti, provvedendo quindi eventualmente a riempirli con la stessa carta o con delle buste di plastica, per attutire gli inevitabili colpi che subiscono durante il trasloco. Per garantire una sicurezza ancora maggiore, si possono usare i cosiddetti fogli pluriball, l’imballo ammortizzante fatto di  tante piccole bolle d’aria, vantaggioso perché molto economico ed efficace.