Installare un ascensore nel condominio

Per far sì che un condominio sia dotato di un ascensore occorre che la maggioranza dei condomini sia favorevole. Le spese vanno invece ripartite a metà, la prima metà riguarda i millesimi in possesso e la seconda metà fa riferimento all’altezza del piano. È inoltre di fondamentale importanza verificare la stabilità dell’edificio.

L’installazione di un ascensore è considerata una innovazione diretta al superamento delle barriere architettoniche, come previsto dal secondo comma dell’articolo 2 della legge 9/I/I989 n. I3.

L’ascensore, come riferito dalla legge, deve avere precise caratteristiche: un dispositivo che limiti la velocità, un dispositivo di bloccaggio delle porte di piano, un dispositivo di sicurezza in grado di controllare lo stato delle funi di sollevamento, un dispositivo che ammortizzi la caduta, dispositivi in grado di comunicare con l’esterno in caso di emergenza, un dispositivo che impedisca la caduta, dispositivo che blocchi l’elettricità in caso di sovraccarichi, impianto di areazione, pannello di controllo utilizzabile dai disabili, impianto di illuminazione, misure del vano standard. Le altre sulla sicurezza riguardano: l’assenza di tubature estranee nel vano, il vano e l’intera struttura (compresa la fossa) devono essere realizzati con materiali ignifughi, la porta di accesso deve essere doppia.